Problemi di alitosi? Una corretta igiene orale non è sufficiente!

Viper Venom Aktiv Crema Antirughe
Viper Venom Aktiv: crema antirughe al veleno di serpente
28 Settembre 2016
Follixin Trattamento Anticaduta Capelli
S.O.S. caduta dei capelli: prova l’efficacia naturale di Follixin
3 Ottobre 2016

Problemi di alitosi? Una corretta igiene orale non è sufficiente!

Alitosi Rimedi

L’alitosi, o alito cattivo, è un disturbo molto spesso sottovalutato o, erroneamente associato a una cattiva igiene orale. Quest’ultima, naturalmente, è fondamentale e non andrebbe mai trascurata, ma non è la sola causa dell’alitosi. Spesso l’alito cattivo è il sintomo di patologie più serie che solitamente interessano l’apparato gastrointestinale, per cui è fondamentale conoscerne l’origine per poter intervenire nel modo più efficace.

L’alitosi crea sicuramente molti disagi, soprattutto nel rapporto con gli altri, influendo sulla vita sociale anche in maniera significativa. Si stima che ne soffra circa il 25% della popolazione senza distinzione di sesso, se anche voi rientrate in questa categoria, sappiate che oltre a una corretta igiene orale esistono diversi rimedi per l’alito cattivo.

Alitosi: cause

Alito Cattivo Cause

Nel 90% dei casi, l’alitosi è provocata da una scarsa igiene orale. I residui di cibo insieme con i batteri presenti nella bocca, danno origine a una serie di reazioni chimiche e dunque al cattivo odore. Ma l’alitosi può peggiorare anche in caso di:

 

  • carie
  • scarsa salivazione
  • gengiviti
  • parodontiti
  • piorrea
  • stomatiti
  • stress

 

Inoltre, molti cibi accentuano tale problematica come per esempio aglio, cipolla, latticini, zucchero (che stimola la proliferazione dei batteri), caffè, carni rosse. Le cattive abitudini alimentari, infatti, possono favorire l’insorgere dell’alitosi, tra queste, anche il digiuno. Con la masticazione è possibile eliminare le cellule morte dal cavo orale che, quando non mangiamo per diverse ore, si depositano e creano uno strato maleodorante nella bocca. Naturalmente, anche il fumo è tra i principali responsabili dell’alitosi poiché provoca un aumento della secrezione di acidi nello stomaco favorendo il cattivo odore.

Tuttavia, in alcuni casi, l’alito cattivo può dipendere da problematiche più serie come la gastrite, il diabete, insufficienza renale o patologie del fegato, in questi casi, è fondamentale risolvere il problema all’origine poiché la sola igiene orale può non essere sufficiente.

Alitosi: rimedi

Come dicevamo, la prima arma contro l’alitosi è lo spazzolino, una corretta e costante igiene orale può davvero fare la differenza! Tuttavia, è importante capire quale sia la causa della vostra alitosi per poter intervenire con rimedi specifici. La natura viene in nostro soccorso con alcuni rimedi efficaci che vi aiuteranno a contrastare questo imbarazzante fenomeno.

  • Igiene orale completa: una costante e corretta igiene orale è il primo e più efficace rimedio per contrastare l’alito cattivo. I denti andrebbero lavati almeno due volte al giorno, con accuratezza, spazzolando per circa due minuti. Inoltre, sarebbe opportuno pulire anche la lingua, esistono spazzolini e altri strumenti (scovolini) pensati proprio per rimuovere batteri e residui di cibo anche dalla lingua. Una volta al giorno può essere utile anche fare degli sciacqui con un collutorio disinfettante e passare il filo interdentale per una pulizia orale completa.
  • Olio di Tea Tree: tanti i suoi utilizzi, per esempio è indicato in caso di forfora, ma è anche un ottimo rimedio per l’alito cattivo. Questo olio essenziale ha infatti una potente azione antibatterica, basta versarne poche gocce sullo spazzolino e lavare i denti come di consueto.
  • Olio essenziale di salvia: perfetto se l’alitosi è causata da problemi digestivi o renali poiché ha effetto depurativo e disintossicante, ne bastano due gocce aggiunte a un cucchiaino di miele. In alternativa, versatene 5 gocce in un bicchiere di acqua tiepida e utilizzatelo come collutorio.
  • Prezzemolo: il decotto di prezzemolo fresco diventa un efficace collutorio per rinfrescare l’alito. In un pentolino, portate a ebollizione un po’ d’acqua, aggiungete due rametti di prezzemolo e lasciate sul fuoco per 10 minuti. Dopodiché filtrate e lasciate raffreddare. Il vostro collutorio è pronto!
  • Tè nero e tè verde: molto utili, secondo recenti studi, per bloccare la proliferazione dei batteri nel cavo orale. Possono essere bevuti sia caldi che freddi nel corso di tutta la giornata.
  • Olio essenziale di menta: utilizzato come collutorio ha proprietà rinfrescanti e disinfettanti. Ne occorrono circa 7 gocce diluite in un bicchiere d’acqua.
  • Zenzero fresco: favorisce la digestione quindi è molto utile se l’alitosi è causata da problemi gastrointestinali. Per preparare un decotto a base di zenzero basta farlo bollire in un pentolino per circa 10 minuti e sorseggiarlo anche nel corso di tutta la giornata.
  • Chiodi di garofano: hanno proprietà disinfettanti e possono essere masticati come fossero chewing-gum. In alternativa, utilizzateli sotto forma di infuso per fare degli sciacqui. È sufficiente versare un cucchiaino di chiodi di garofano in polvere in un bicchiere d’acqua bollente, lasciare in infusione per 10 minuti e poi filtrare.

Infine, è bene ricordare che in questo contesto anche l’alimentazione non va assolutamente trascurata, oltre a limitare il consumo di alcuni cibi come i latticini, gli zuccheri raffinati, aglio, cipolla e altri alimenti difficili da digerire, è importante prediligere una dieta equilibrata, a base di ortaggi, frutta, cereali e povera di carboidrati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *